Errori nel tiro e possibili cause

Questo articolo ha l'obiettivo di aiutare ad interpretare gli errori di base visibili nei modelli delle tracce di puntamento quando ci si addestra con un sistema SCATT.

I dati qui forniti si basano su anni di esperienza di tiro, su anni di attività da allenatori e su un utilizzo pratico dei sistemi di addestramento SCATT.

Per una opportuna distinzione e analisi, i movimenti registrati del punto di mira (traccia) sono suddivisi in 4 colori differenti:

 Verde (l'intervallo di tempo dall'ingresso nel bersaglio fino a -1 secondo prima del colpo) - permette al tiratore di valutare la direzione e la natura del movimento del punto di mira nella fase iniziale di stabilizzazione nel centro del bersaglio.

 Giallo (l'intervallo di tempo da -1 a -0,2 secondi prima del colpo) - evidenzia visivamente nella traccia di puntamento la parte più significativa del processo di mira. Viene utilizzato per analizzare la stabilità e le caratteristiche del puntamento in generale.

 Blu (l'intervallo di tempo da -0,2 secondi fino al momento del rilascio del colpo) - questo periodo è uguale al tempo medio di reazione agli stimoli esterni di un essere umano. In altre parole, è il lasso di tempo durante il quale il tiratore aziona il grilletto. Osservando le caratteristiche e la lunghezza di questo intervallo, si può valutare quanto bene il tiratore controlli l'arma al momento della partenza del colpo.

 Rosso (intervallo di tempo dopo la partenza del colpo) – è il periodo del controllo finale (follow-through) utilizzato per analizzare il movimento della traccia di puntamento del tiratore dopo la partenza del colpo.


Prima di tutto, cominciamo a vedere come dovrebbe apparire un colpo tecnicamente corretto.

La traccia del puntamento presenta le seguenti caratteristiche: nessun segmento dritto, un'area di tenuta stabile (linee verdi e gialle), un azionamento dolce (senza strappi) del grilletto (linea blu), il foro del proiettile viene a trovarsi il più vicino all'area di stabilità, e l'arma viene mantenuta stabile dopo la partenza del colpo nella fase del controllo finale.

L'errore di focalizzarsi sull'area di mira sbagliata.

L'area di stabilità generale e la posizione del colpo vengono a trovarsi in zone diverse del bersaglio colpo dopo colpo. Allo stesso tempo le esecuzioni complessive di ogni singolo colpo possono apparire tecnicamente corrette. Questo errore può essere osservato quando il tiratore non sta coordinando correttamente o completamente la posizione del mirino rispetto a quella della diottra (o tacca di mira), oppure quando non sta posizionando la testa in maniera accurata o costante rispetto alle mire.

Scarsa distribuzione dell'attenzione

Questo errore si verifica quando il centro dell'attenzione viene spostato dal puntamento del bersaglio o dall'esecuzione dell'azione di scatto. L'errore può essere caratterizzato dalla presenza di segmenti dritti della linea della traccia del puntamento - movimenti incontrollati dell'arma relativi al bersaglio e come conseguenza un posizionamento sfalsato del colpo rispetto alla area di stabilità precedente. Nell'esempio raffigurato possiamo vedere chiaramente che l'attenzione del tiratore è stata distratta da una attenta tenuta dell'arma al momento della partenza del colpo.


Strappo sul grilletto al momento del rilascio del colpo

È un errore causato da un movimento rapido e convulso della mano nel momento del rilascio del colpo. È caratterizzato dalla presenza di una sezione rettilinea della traccia di puntamento immediatamente prima del rilascio del colpo (la linea blu), che può essere osservata nell'intervallo di tempo da 0,2 a 0,1 secondi prima della sua partenza. In questo caso, il foro del colpo si allontana dall'area di stabilità ed in casi estremi può essere posizionato molto lontano dal centro (vedi l'immagine).


Colpo ritardato

Questo errore può essere commesso da tiratori esperti. È caratterizzato da un tempo di punteria lungo (maggiore di 12 secondi), che può portare ad un affaticamento dell'attenzione, ad una perdita di messa a fuoco delle mire e come conseguenza, ad un ritardato rilascio del colpo sul bersaglio. Il tempo ottimale per eseguire il colpo risiede in un intervallo di tempo di non più di 8-10 secondi.

 

Gli errori nel tiro sono generalmente causati da una combinazione di diversi fattori e solo raramente vengono causati da un unico elemento.

 

Per esempio, il tiratore non riesce a mettere a fuoco le mire dell'arma e di conseguenza - il dito non preme il grilletto, passano gli 8-10 secondi ("un colpo ritardato"), gli occhi e la mano si affaticano, le mire diventano sfuocate, il tiratore abbandona l'attenzione all'azione di scatto per terminare rapidamente il colpo, incrementa lo sforzo ed aumenta la velocità del proprio movimento. Questo tipo di preparazione del colpo può portare ad un brutto colpo oppure, nel migliore dei casi, ad un colpo distante dalla rosata o dal centro del bersaglio.